Utilizziamo cookie di servizi di terze parti per attività di marketing e per offrirti una migliore esperienza. Leggi come utilizziamo i cookie e come puoi controllarli facendo clic su "Preferenze sulla privacy".


Preferenze sulla privacy

Preferenze sulla privacy

Quando visiti un sito web, questo può memorizzare o recuperare informazioni attraverso il tuo browser, solitamente sotto forma di cookie. Poiché rispettiamo il tuo diritto alla privacy, puoi scegliere di non consentire la raccolta di dati da determinati tipi di servizi. Tuttavia, non consentire questi servizi potrebbe influire sulla tua esperienza di navigazione.

  • Privacy Policy

    Informativa Privacy

    Lo scopo dell'informativa privacy è di fornire la massima trasparenza relativamente alle informazioni che il sito raccoglie e come le usa.

    In ottemperanza degli obblighi derivanti dalla normativa nazionale e europea (Regolamento europeo per la protezione dei dati personali), rispettiamo e tuteliamo la riservatezza dei visitatori e degli utenti, ponendo in essere ogni sforzo possibile e proporzionato per non ledere i diritti degli utenti.

    Non pubblichiamo annunci pubblicitari, non usiamo dati a fini di invio di pubblicità, però facciamo uso di servizi di terze parti al fine di migliorare l'utilizzo del sito, terze parti che potrebbero raccogliere dati degli utenti e poi usarli per inviare annunci pubblicitari personalizzati su altri siti. Tuttavia poniamo in essere ogni sforzo possibile per tutelare la privacy degli utenti e minimizzare la raccolta dei dati personali. Ad esempio, usiamo in alcuni casi video di YouTube, i quali sono impostati in modo da non inviare cookie (e quindi non raccogliere dati) fino a quando l'utente non avvia il video. Potete osservare, infatti, che al posto del video c'è solo un segnaposto (placeholder). Il sito usa anche plugin sociali per semplificare la condivisione degli articoli sui social network. Tali plugin sono configurati in modo che inviino cookie (e quindi eventualmente raccolgano dati) solo dopo che l'utente ha cliccato sul plugin.

    A titolo informativo si precisa che la gestione dei cookie è complicata, sia da parte nostra, come gestori del sito (che potremmo non riuscire a gestire correttamente i cookie di terze parti) che da parte dell'utente (che potrebbe bloccare cookie essenziali per il funzionamento dei sito). Per cui un modo migliore, e più semplice, per tutelare la privacy sta nell'utilizzo di strumenti anti-traccianti, che bloccano quindi il tracciamento da parte dei siti terzi (A tal fine si consiglia l'utilizzo di Privacy Badger e uBlock Origin)

    Per ulteriori informazioni sul trattamento dei dati personali potete leggere l'informativa completa qui sotto


     

    RICHIESTO
  • Rete per la distribuzione di contenuti
    Alcuni contenuti resi disponibili in questo sito, sono forniti da terze parti, il cui corretto funzianamento potrebbe richiedere il tracciamento attraverso il browser e script contenuti nelle pagine. Il tracciamento del traffico è finalizzato alla raccolta di dati che consentono la statistica dettagliata degli utenti, come gruppo e non come singole persone.
    RICHIESTO
  • Youtube (Hosting Video Platform by Google Inc.)
    Potrebbe tracciare l'utente che visiona i video per poi produrre una statistica, sul comportamento della visione, della sua geolocalizzazione e dei tempi di permanenza, come gruppo e non come singoli.
  • Vimeo (Hosting Video Platform)
    Potrebbe tracciare l'utente che visiona i video per poi produrre una statistica, sul comportamento della visione, della sua geolocalizzazione e dei tempi di permanenza, come gruppo e non come singoli.
  • Google Ads (Advertisement Delivery Network)
    il nostro sito non presenta annunci pubblicitari, ma il traffico dell'utente che visiona le pagina, può produrre una preferenza che si traduce in annunci personalizzati rispetto ai dati di navigazioni presenti nella cronologia e dai cockie del browser.
  • Facebook & Instagram (Social Media)
    potrebbero raccoglie informazioni sul traffico prodotto in cronologia e dai cockie, per personalizzare l'esperienza rispetto al social.

Parodontite, ne soffrono 20 milioni di over 35



Parodontite, ne soffrono 20 milioni di over 35

Il filo interdentale

Venti milioni d’italiani, tra gli over 35, presentano i sintomi di un’infiammazione alle gengive. Otto milioni soffrono di una parodontite grave, mentre tre milioni rischiano di perdere i denti a causa della malattia. È quanto emerge dall’indagine “Italiani e la malattia parodontale”, condotta dalla Società italiana di parodontologia e implantologia (Sidp) su un campione di mille adulti. Dal rapporto emerge che solo un italiano su tre sa cos’è la parodontite. Inoltre, per curarlo il 40% degli intervistati sceglierimedi “fai da te”, anziché chiedere aiuto al dentista. Le soluzioni adottate 8 volte su 10 risultano insufficienti per risolvere il problema, di conseguenza il problema oltre a permanere, finisce per aggravarsi

L’infiammazione gengivale ha un origine batterica. La Sidp evidenzia che su un solo dente può trovarsi fino a un miliardo di batteri. Se a distanza di quattro ore da un pasto non ci si lava accuratamente i denti, la placca batterica si moltiplica. Un grammo di germi, pari a circa 100.000 microrganismi, può infatti diventare dieci volte più numeroso, creando un “film” che facilita la comparsa di carie e soprattutto d’infiammazione alle gengive. Questo problema, tuttavia, pur riguardando 20 milioni di over 35, viene spesso ignorato o trattato in modo sbagliato.

La parodontite è più diffusa nel Meridione. Dall’analisi emerge che la salute delle gengive viene trascurata soprattutto al Sud, dove il 54% della popolazione mostra i sintomi dell’infiammazione rispetto al 42% di chi vive al Nord. Inoltre, l’indagine rivela che i primi sintomi della parodontite compaiono presto: il 43% delle persone di età compresa tra 20 e 34 anni ha ammesso di averli sperimentati almeno una volta.

Ci si affida alle soluzioni “fai da te”. Quattro persone su dieci di fronte ai disturbi gengivali non chiedono aiuto al dentista. Provano, invece, ad adottare “rimedi fatti in casa”. Per esempio, una su tre cerca di risolvere il problema con un collutorio specifico, il 15% cambia il dentifricio, il 10% tenta con i risciacqui o con rimedi naturali. Ma c’è pure chi si affida alla dieta, alle vitamine o perfino agli antibiotici. In totale, circa 12 milioni di italiani “inventano” una cura per curare gengive sanguinanti (47% della popolazione), gengive che si ritraggono (29%) o che fanno male (26%). Molti cittadini aspettano semplicemente che il disturbo passi da solo: così, otto volte su dieci il problema resta e finisce per aggravarsi. Le persone non se ne preoccupano perché, di fatto, non sanno che cosa stia accadendo ai loro denti.

Gli italiani hanno le idee confuse sull’argomento. Molti individui non sanno bene cosa sia la parodontite, che resta un mistero per il 70% della popolazione. Solo un italiano su tre conosce le conseguenze della parodontite, che vanno dalle infezioni alla possibile perdita dei denti. Inoltre, soltanto l’8% sa che la parodontite coincide con la piorrea, termine con cui la malattia veniva identificata più spesso in passato.

Le persone chiedono più informazioni. Secondo l’indagine, il 90% degli italiani vorrebbe approfondire la conoscenza del disturbo e non è soddisfatto delle proprie nozioni sulla salute gengivale. Il 95% vorrebbe ricevere più notizie chiare e corrette dal proprio dentista, il 77% da un’associazione scientifica qualificata, mentre l’83% da siti internet gestiti da fonti autorevoli e indipendenti.

dott. d’Argenio  Sabato  dentista ad Avellino

Condividi: